Le nuove tendenze della ceramica

Quest’anno più che mai al Salone del Mobile di Milano è stata data una grande importanza alle ceramiche: vasi, piatti e soprammobili dei marchi di ceramica più famosi hanno riempito tavole, mensole e librerie degli stand in fiera a Milano. Ma perché in un’era caratterizzata dalla tecnologia torna alla ribalta un materiale dalla lavorazione così antica? La risposta sta in un processo che sta avendo luogo ormai da qualche anno. Il ritorno alla natura, dove l’uomo si pone al centro per entrare a farne parte e diventarne così un tutt’uno.

Leggi tutto “Le nuove tendenze della ceramica”

Arredamento 2019 cosa tenere e cosa no!

Capodanno non vuol solo dire fare festa con gli amici, brindare allo scoccare della mezzanotte e guardare i fuochi d’artificio, Capodanno vuol dire rispettare tutta una serie di tradizioni e una fra le più interessanti è quella che vuole che a Capodanno si buttino via le cose vecchie.

Il senso è semplice: sta arrivando l’anno nuovo, quindi arriva il cambiamento, per cui con l’arrivo del nuovo è bene gettare via le cose vecchie, via il vecchio e spazio al nuovo.

Ma quali sono gli oggetti che si possono ritenere veramente vecchi e quali no?

Leggi tutto “Arredamento 2019 cosa tenere e cosa no!”

Colore PANTONE 2019

Pantone Inc. è un’azienda statunitense che si occupa di tecnologie per la grafica, della catalogazione dei colori e della produzione del sistema di identificazione di questi ultimi. È divenuto la norma internazionale per quanto riguarda la grafica ed è utilizzato anche per la gestione dei colori nell’industria e nella chimica. Il sistema Pantone è stato messo a punto negli anni 50 per poter classificare i colori e tradurli nel sistema di stampa a quadricromia CMYK (ciano, magenta, giallo e nero) semplicemente grazie a un codice.

Leggi tutto “Colore PANTONE 2019”

Ritorno al vintage

La parola vintage deriva dal francese antico vendenge ( a sua volta derivante dalla parola latina vindemia) e indica in senso generico i vini d’ annata di pregio. Non c’è una definizione precisa ma si può dire che si tratta della tendenza a riportare in vita oggetti del passato che abbiano una caratteristica riconoscibile del loro periodo di appartenenza.

Dagli abiti, agli accessori e soprattutto dal design d’ arredo, lo stile vintage si inserisce con eleganza riportando romanticismo, forza e colori, mettendo in risalto lo stile del ‘900, decennio per decennio dagli anni’20 agli anni ’80.

La realtà contemporanea, costellata di crisi, di risparmio e di recupero, ha sicuramente accentuato questa pratica di rianimare oggetti dimenticati. Infatti non potendo comprare, quale miglior soluzione se non vestirsi con gli abiti della nonna, arredare casa dando nuova vita e tinteggiatura al legno, cambiare una parete con colori e fantasie pop? Ecco allora che corde, mobiletti, nappe, cassette di legno diventano tesori speciali e il mercatino del baratto e dell’usato si trasforma nel nuovo centro commerciale della creatività! La data di inizio della produzione oggi considerata vintage, sono gli anni ’30, ma resta un’indicazione vaga, si possono trovare oggetti utilizzabili oggi anche nell’arredamento anni ’20. L’importante è essere bravi a dare nuovo splendore agli oggetti rivisitandoli e riuscire a farli sentire a proprio agio anche ai giorni nostri. Il senso poi di esclusività che si ha quando riusciamo ad accappararci e sistemarci in casa un pezzo unico non ha prezzo. Forse dopo tanti anni passati a creare e ad avere tutti gli oggetti prodotti in serie adesso necessitiamo di qualcosa di esclusivo, individuale che ci riporti alle nostre origini, che ci dia carattere e identità. Un pezzo vintage è unico proprio come lo siamo noi. Ricordate che un pezzo per essere definito vintage deve avere più di 20 anni ed essere appartenuto ad altre persone.

I puristi del genere affermano che sono vintage gli oggetti e i capi pre 1960, mentre quelli post 1960 sono da considerarsi retrò. Il vintage è innovazione in quanto per costruire un mondo migliore bisogna guardare alla nostra storia e la moda in quanto arte si adegua. Adesso diamo qualche chicca a chi ha intenzione di integrare nel proprio arredo magari moderno oggetti ed elementi un po’ datati.

Ad esempio una consolle, delle sedie, tavolini o una vecchia radio nel soggiorno impreziosiscono l’ arredamento senza appesantire e scontrarsi troppo con lo stile di casa. Il rischio infatti che corriamo è quello di riempire con troppi elementi vintage e appesantire l’ ambiente in modo eccessivo. Dobbiamo calibrare e creare armonia con qualche elemento sparso che richiami al passato ma che faccia si che l’ambiente risulti moderno e rivisitato. Ora vediamo a quale epoca apparteniamo e quali sono gli anni che preferiamo.

L’ arredamento anni ’50 americano è quello che associamo alla famosa serie Happy days o al musical Grease. Sgabelli in acciaio cromato, divanetti imbottiti in pelle dalle tonalità audaci, poltroncine dalle forme compatte e rigide, tutto era tirato a lucido, sapeva di nuovo tanto da apparire quasi finto.

Lo stile anni ’60 è caratterizzato da un cambiamento delle forme, dei colori e dei materiali che sotto l’influenza della pop art divengono innovativi, allegri ed estrosi. La fanno da padrone fantasie sgargianti e geometriche di rivestimenti e tessuti. Tinte fluo e colori intensi su mobili come ad esempio giallo, fucsia, arancio, verde, viola, blu elettrico e rosso e il bianco e il nero abbinati ad elementi ultracolorati. Superfici con linee e forme geometriche originali e ancora fresche. Plastica, grande protagonista plasmata per costruire molti prodotti con semplicità e a basso costo.

Gli arredi anni ’70 invece sono caratterizzati dall’utilizzo di tinte forti come verde brillante, turchese, giallo oro, e marrone: per questo bianco e nero cedono il posto a fiori e decorazioni soprattutto in bagno e in camera da letto. Complementi invece lucidi di vetro o di pelle come di metallo e legno (teak e pino). Disegni grandi e luminosi con motivi grafici in camera e nel soggiorno, piattaie colorate in cucina di solito arancio a contrasto con mobili e pensili scuri e lucidi e sedie con schienale alto, spesso rivestito in vinile brillante. Fu il periodo del colore nella progettazione di interni e da lì in poi il colore è rimasto sempre presente fino ai giorni nostri.

Insomma lo stile vintage continuerà ad essere presente nelle nostre abitazioni e con l’aiuto di designer e creativi a dare nuovi utilizzi ad oggetti scovati nei vari mercatini.

Un futuro tutto verde

La sostenibilità ormai è una cosa che ci riguarda tutti da vicino. Sempre più di frequente ci si sta adoperando per ristrutturare la propria casa con sistemi di coibentazione al fine di migliorarne l’isolamento termico, con l’installazione di impianti fotovoltaici e geotermici per usufruire dell’energia delle fonti rinnovabili oppure adottando soluzioni ecofriendly per illuminazione ed elettrodomestici. Tutte queste accortezze riducono drasticamente l’ inquinamento, e quindi migliorano lo stile di vita di chi ci abita. Se però questi interventi necessitano di tempo e preparazione per concretizzarsi, la scelta di rinnovare l’ arredamento con materiali naturali è più rapida ed è sicuramente un buon trampolino di lancio per rendere la propria casa più salutare ed ecosostenibile. La prima cosa su cui focalizzarsi sono le pareti e le vernici con cui ci appresteremo a tinteggiarle. Bando a sostanze inquinanti e dannose per la salute delle persone e dell’ ambiente e porte aperte alle vernici naturali a base d’acqua, inodore e totalmente prive di componenti nocive ed irritanti. In commercio queste vernici sono disponibili in una vasta gamma di colorazioni adatte per tutti gli ambienti e tutte le esigenze stilistiche.

Così come per le pareti, anche il materiale di cui è composto l’ arredamento può essere stato trattato con sostanze sintetiche ad esempio la formaldeide una resina a base chimica che si usa per assemblare mobili e che di ecologico non ha nulla. Privilegiamo quindi materie prime naturali, biodegradabili, riciclabili e non tossiche, come il legno. Ancora meglio se la provenienza del legno rispetta i criteri di ecosostenibilita’ e mantiene intatti gli equilibri boschivi. Non solo, il legno di qualità favorisce il benessere all’ interno di un abitazione e con il suo aroma intenso rilassa e concilia il sonno. Una buona alternativa ad altissima resistenza, durevole, versatile ed economica e soprattutto sostenibile è il bambù che a differenza del legno cresce molto più rapidamente ed è largamente disponibile (nessun rischio di alimentare la deforestazione ). Il bambù si presta per innumerevoli usi; elementi d’arredo, rivestimenti e vero e proprio materiale da costruzione. Alla nostra lista non può mancare il sughero che da re degli isolanti detiene ora lo scettro come oggetto di design. Tra le sue doti spiccano l’ impermeabilità, il suo essere ignifugo, si usa sotto forma di pannelli come isolante o per rivestimenti e il suo assemblaggio prevede collanti naturali come il lattice e il caucciù. L’ estrazione della corteccia dalla quercia da sughero avviene ogni 10 anni, il tempo che occorre perché si rigeneri un nuovo strato secondo metodi manuali che non comporta rischi per la pianta.

Insomma lasciamo la natura fare il suo corso senza metterle i bastoni fra le ruote, lei può donarci ancora preziosi suggerimenti per il benessere di tutti. 🌱

Colore e tendenze stilistiche 2018 e oltre

Tra le tendenze colore 2018 spiccano senza dubbio il blu notte il giallo curry e il bordeaux ma allo stesso tempo i colori che stanno prendendo piede parlano di richiami sempre più evidenti alla natura, toni come terracotta, verde abete, beige; ambienti monocromatici che evocano un ritorno allo stato naturale delle cose.

C’è voglia di essere un tutt’uno con la natura un po’ come succedeva nell’800 con il naturalismo inglese dove l’uomo diventa un’elemento della natura che si fonde con il paesaggio che lo circonda. È forse questa voglia a grande scala di calma, di pace e di serenità che ci sta portando verso scelte stilistiche che ammettono nei nostri interni carte da parati paesaggistiche, foglie, racemi fioriti e non fioriti, stampe floreali oversize, giungle urbane e giungle tropicali, animali come simboli che si arrampicano sui nostri muri di casa circondati dalla natura che li incornicia e li confonde. Il monocromo come grande protagonista prevede di accostare coppie di sfumature della stessa tinta in modo da creare sottili variazioni sul tema oppure per rafforzare toni vividi con nuance pastellate alla stessa famiglia. Facile però che con uno schema cromatico molto rigido la monotonia prenda il sopravvento,
ecco perché il monocromo sarà affiancato e risaltato da accenni di nero e oro. Eleganza e luce fanno quindi da cornice.

Designers e stilisti che giocano con texture e consistenze diverse: liscio contro ruvido, superfici satinate accanto a tocchi luccicanti, semplicità contro abbondanza di ornamenti. Ambienti quindi che diventano grazie ai contrasti materici giardini zen e percorsi emozionali.

Un capitolo importante va dedicato alla sostenibilità e all’ecologia. Arredi fatti di materiali naturali, trattati senza l’utilizzo di sostanze dannose e completamente atossici e riciclabili. La pietra come il legno è entrata nelle nostre case come oggetto di arredo o materiale da costruzione. Il recupero dei mobili vintage lustrati a nuovo conservano un po’ dei bei tempi andati ma rivisitati magari con colori vitaminici splendono di nuova luce e creano ambienti frizzanti. Indubbiamente le case di nuova generazione sono rivolte al passato con una vera invasione del gusto retrò, risultano intellettuali, ricercate, chic ma anche conviviali e votate a ricevere.

Il rosso grande protagonista delle tendenze 2018 impera; su mobili, tessili, sedie, arredi imbottiti, finiture o piccoli accessori. Suoi compagni nel 20182019 il color ottone e il verde in tutte le declinazioni. Insomma, aspettiamoci di vedere case piene di carattere e di contrasti cromatici energici. 💪