Souvenir che passione! Da semplice feticcio ad oggetto d’arredo.

Andare in vacanza è rilassante, divertente e stimolante fino a che non arriva quel momento in cui dobbiamo occuparci di comprare i classici souvenir da regalare. A questo punto subentra lo stress e la noia di dover scegliere tra i vari negozi per turisti le solite identiche cose, personalizzate con il nome della città in cui ci troviamo (portachiavi, calamite, statuette dei vari monumenti, penne, portamonete e chi più ne ha più ne metta), a meno che non usiamo la testa capendo quali siano le vere caratteristiche locali! Allora questo momento sarà un modo per scovare souvenir particolari che potranno diventare oggetti d’arredo anche per la vostra casa.
Ecco una lista di souvenir che non possono mancare durante i vostri viaggi:

  • Matrioske: se vi capita di programmare una vacanza a Mosca, lasciate un piccolo spazio nella vostra valigia per la matrioska. Dalle tradizionali multicolore a quelle più minimal monocromatiche, sono degli oggetti perfetti per decorare mensole e credenze.
  • Sculture in legno: dal fascino etnico, con le loro curve e sfaccettature queste sculture risalteranno subito in un ambiente dall’arredamento lineare.
  • Tappeti marocchini: il Marocco è famoso per la sua lunga tradizione tessile, se la vostra meta è questa il nostro consiglio è l’acquisto di un tappeto. Tra la varietà dei colori ci sono anche in bianco e nero, adatti ad ogni tipo di ambiente.
  • Teste di moro: vengono direttamente dalla Sicilia e sono uniche nel loro genere. Questi vasi in ceramica sono belli sia vuoti che con un bel mazzo di fiori e renderanno preziosa qualsiasi stanza della vostra casa, ma anche un angolo del vostro giardino.
  • Cappelli di paglia: quasi ogni cultura ha il proprio cappello-simbolo: il texano, il panama, quello da risaia. La collezione di cappelli in paglia è un evergreen: durante il viaggio vi riparerà dal sole, a casa valorizzerà le pareti delle vostre stanze.
  • Souvenir naturali: i più significativi rimangono sempre gli oggetti trovati per caso perchè destano in noi lo stesso entusiasmo di quando troviamo un tesoro. Potrebbero essere dei sassi o conchiglie di colore e forme particolari, o magari detriti portati dal mare o di qualche animale. Valorizzandoli con cornici o creando dei piccoli piedistalli, darete vita a delle piccole opere d’arte. 🎨

Un futuro tutto verde

La sostenibilità ormai è una cosa che ci riguarda tutti da vicino. Sempre più di frequente ci si sta adoperando per ristrutturare la propria casa con sistemi di coibentazione al fine di migliorarne l’isolamento termico, con l’installazione di impianti fotovoltaici e geotermici per usufruire dell’energia delle fonti rinnovabili oppure adottando soluzioni ecofriendly per illuminazione ed elettrodomestici. Tutte queste accortezze riducono drasticamente l’ inquinamento, e quindi migliorano lo stile di vita di chi ci abita. Se però questi interventi necessitano di tempo e preparazione per concretizzarsi, la scelta di rinnovare l’ arredamento con materiali naturali è più rapida ed è sicuramente un buon trampolino di lancio per rendere la propria casa più salutare ed ecosostenibile. La prima cosa su cui focalizzarsi sono le pareti e le vernici con cui ci appresteremo a tinteggiarle. Bando a sostanze inquinanti e dannose per la salute delle persone e dell’ ambiente e porte aperte alle vernici naturali a base d’acqua, inodore e totalmente prive di componenti nocive ed irritanti. In commercio queste vernici sono disponibili in una vasta gamma di colorazioni adatte per tutti gli ambienti e tutte le esigenze stilistiche.

Così come per le pareti, anche il materiale di cui è composto l’ arredamento può essere stato trattato con sostanze sintetiche ad esempio la formaldeide una resina a base chimica che si usa per assemblare mobili e che di ecologico non ha nulla. Privilegiamo quindi materie prime naturali, biodegradabili, riciclabili e non tossiche, come il legno. Ancora meglio se la provenienza del legno rispetta i criteri di ecosostenibilita’ e mantiene intatti gli equilibri boschivi. Non solo, il legno di qualità favorisce il benessere all’ interno di un abitazione e con il suo aroma intenso rilassa e concilia il sonno. Una buona alternativa ad altissima resistenza, durevole, versatile ed economica e soprattutto sostenibile è il bambù che a differenza del legno cresce molto più rapidamente ed è largamente disponibile (nessun rischio di alimentare la deforestazione ). Il bambù si presta per innumerevoli usi; elementi d’arredo, rivestimenti e vero e proprio materiale da costruzione. Alla nostra lista non può mancare il sughero che da re degli isolanti detiene ora lo scettro come oggetto di design. Tra le sue doti spiccano l’ impermeabilità, il suo essere ignifugo, si usa sotto forma di pannelli come isolante o per rivestimenti e il suo assemblaggio prevede collanti naturali come il lattice e il caucciù. L’ estrazione della corteccia dalla quercia da sughero avviene ogni 10 anni, il tempo che occorre perché si rigeneri un nuovo strato secondo metodi manuali che non comporta rischi per la pianta.

Insomma lasciamo la natura fare il suo corso senza metterle i bastoni fra le ruote, lei può donarci ancora preziosi suggerimenti per il benessere di tutti. 🌱

Colore e tendenze stilistiche 2018 e oltre

Tra le tendenze colore 2018 spiccano senza dubbio il blu notte il giallo curry e il bordeaux ma allo stesso tempo i colori che stanno prendendo piede parlano di richiami sempre più evidenti alla natura, toni come terracotta, verde abete, beige; ambienti monocromatici che evocano un ritorno allo stato naturale delle cose.

C’è voglia di essere un tutt’uno con la natura un po’ come succedeva nell’800 con il naturalismo inglese dove l’uomo diventa un’elemento della natura che si fonde con il paesaggio che lo circonda. È forse questa voglia a grande scala di calma, di pace e di serenità che ci sta portando verso scelte stilistiche che ammettono nei nostri interni carte da parati paesaggistiche, foglie, racemi fioriti e non fioriti, stampe floreali oversize, giungle urbane e giungle tropicali, animali come simboli che si arrampicano sui nostri muri di casa circondati dalla natura che li incornicia e li confonde. Il monocromo come grande protagonista prevede di accostare coppie di sfumature della stessa tinta in modo da creare sottili variazioni sul tema oppure per rafforzare toni vividi con nuance pastellate alla stessa famiglia. Facile però che con uno schema cromatico molto rigido la monotonia prenda il sopravvento,
ecco perché il monocromo sarà affiancato e risaltato da accenni di nero e oro. Eleganza e luce fanno quindi da cornice.

Designers e stilisti che giocano con texture e consistenze diverse: liscio contro ruvido, superfici satinate accanto a tocchi luccicanti, semplicità contro abbondanza di ornamenti. Ambienti quindi che diventano grazie ai contrasti materici giardini zen e percorsi emozionali.

Un capitolo importante va dedicato alla sostenibilità e all’ecologia. Arredi fatti di materiali naturali, trattati senza l’utilizzo di sostanze dannose e completamente atossici e riciclabili. La pietra come il legno è entrata nelle nostre case come oggetto di arredo o materiale da costruzione. Il recupero dei mobili vintage lustrati a nuovo conservano un po’ dei bei tempi andati ma rivisitati magari con colori vitaminici splendono di nuova luce e creano ambienti frizzanti. Indubbiamente le case di nuova generazione sono rivolte al passato con una vera invasione del gusto retrò, risultano intellettuali, ricercate, chic ma anche conviviali e votate a ricevere.

Il rosso grande protagonista delle tendenze 2018 impera; su mobili, tessili, sedie, arredi imbottiti, finiture o piccoli accessori. Suoi compagni nel 20182019 il color ottone e il verde in tutte le declinazioni. Insomma, aspettiamoci di vedere case piene di carattere e di contrasti cromatici energici. 💪

Il cielo in una stanza: consigli utili su come arredare gli spazi esterni

“Questa stanza non ha più pareti ma alberi, alberi infiniti…”

Ricordate questa canzone?

E a chi non piacerebbe avere il cielo in una stanza…

Beh in realtà se hai la fortuna di avere un giardino o una terrazza, con qualche piccola accortezza potrai provare la stessa sensazione che descriveva Gino Paoli 😛 perché il giardino e la terrazza in estate diventano una stanza in più!
Oggi vi daremo qualche consiglio utile per arredare alla perfezione gli spazi esterni.

Per arredare un ambiente esterno basta poco, infatti, una volta scelto lo stile, occorre acquistare gli elementi di arredo indispensabili ad ospitare amici e parenti in un ambiente accogliente ed al tempo stesso funzionale.

Come arredare il giardino/terrazza?

1. Tavolo e sedie: preferibilmente in materiali resistenti alle intemperie (come il rattan sintetico) così da poter lasciare l’arredo all’aperto anche in inverno, mentre per chi ha voglia di sbizzarrirsi col fai da te consigliamo di provare a costruire un tavolo con materiali di recupero, in questo modo avrete un oggetto unico ed originale.

2. E’ importante avere una buona copertura (vela, gazebo, ombrellone, etc) per le ore serali (per proteggersi dall’umidità) e durante le ore di sole (per avere una zona ombreggiata). Il nostro consiglio è quello di scegliere versioni richiudibili, così da gestire al meglio gli spazi.

3. Utile un buon sistema di illuminazione (che permette di avere luce soft, per le serate romantiche, e luce viva per le serate a festa!)

4. Arredare un giardino non significa acquistare un tavolo con 4 sedie ed un ombrellone, ma bisogna predisporre anche una zona confortevole magari inserendo cuscini, teli o una bella amaca, in questo modo sia voi che gli ospiti non sarete costretti a stare per forza su una sedia attorno al tavolo, ed è proprio questo potere di scelta che renderà il vostro spazio accogliente.

5. In un giardino che si rispetti, non può mancare il barbecue, il protagonista indiscusso dei party all’aperto. E per chi non ha problemi di spazio un’ottima idea sarebbe anche la realizzazione di una cucina esterna.

6. Infine, ma non per ultima, la musica: il nostro consiglio? Niente tv! L’unica cosa di cui avete bisogno è di una piccola cassa bluetooth da collegare al vostro smartphone e la musica farà da colonna sonora alla vostra serata. In alternativa se avete più spazio potreste pensare di acquistare una torre multimediale, si trova facilmente in tutte le grandi catene di elettronica e su amazon a prezzi totalmente accessibili e con una potenza maggiore, perfetta per party e serate in compagnia.

Pronti anche voi ad avere il cielo in una stanza? 🙂

“L’importanza dell’ergonomia nell’arredamento d’interni”

Una delle cose che mi accomuna a Micol è sicuramente la curiosità e quindi la voglia di imparare sempre di più.
Verso maggio sentivamo il bisogno di dare una svolta a questa primavera che si faceva attendere così ci siamo dette: perché non facciamo un corso di aggiornamento?
Dopo un bel po’ di ricerca Micol
ha trovato dei webinar da guardare comodamente in studio o a casa ed abbiamo cominciato.
In questo momento siamo alla quinta lezione: “L’importanza dell’Ergonomia nell’arredamento d’interni”, che è anche quella che più ha colto il mio interesse, un po’ perché mi ha ricordato gli anni di università, un po’ perché ho sempre amato progettare con il buon senso (un oggetto non deve essere solo bello, ma deve avere anche la massima usabilità da parte dell’utente).

Ma cominciamo dalle basi, cosa significa “ergonomia”?
In senso letterale l’ergonomia è la disciplina che studia la migliore integrazione tra lavoro umano, macchina e ambiente di lavoro.
In particolar modo, all’interno dell’ambiente casa, l’ergonomia è lo studio e la progettazione delle attrezzature e delle postazioni di lavoro finalizzata a migliorare la postura e alleviare i carichi sul corpo.
L’applicazione dell’ergonomia nella progettazione di prodotti d’arredo è un fattore importante che si ripercuote sulla salute complessiva, la sicurezza e il benessere degli individui.

La progettazione ergonomica dei mobili deve tener conto dei seguenti fattori:
• dimensioni dei mobili adatte alle dimensioni della popolazione di utilizzatori previsti;
• benessere, sicurezza e comfort degli utilizzatori;
• mobili che soddisfano le necessità del compito / lavoro che gli utenti devono svolgere;
• garantire la libera interazione tra l’utente e l’apparecchiatura (compresi i mobili);
• il tempo trascorso sul luogo di lavoro (per esempio il tempo trascorso seduti o in piedi);
• sicurezza dell’arredamento che non dev’essere fonte di rischio di lesioni durante l’uso previsto;
• prevedibile uso improprio dei mobili e sue conseguenze;
• garantire mobili in grado di ospitare dispositivi IT (schermi, CPU, bracci per il monitor) in modo sicuro;
• capacità degli utenti di muoversi liberamente sul loro posto di lavoro e capacità di adottare una serie di posture comode e dinamiche senza essere limitati dall’arredamento;

Ma passiamo ad un esempio pratico:
Ricordate la sedia basculante, senza schienale e con il poggia ginocchia? Ecco quella è un chiaro esempio di seduta ergonomica.
È la sedia svedese! Ed è in grado di supportare il corpo in tutte quelle situazioni in cui devi stare seduto e mantenere una buona posizione mentre lavori. Facendoti allineare la schiena, il collo e le spalle in una posizione completamente naturale, la sedia svedese permette di stare in una corretta posizione.

Questi principi di ergonomia possono essere applicati anche per la disposizione stessa degli oggetti all’interno di un ambiente in modo da rendere più fruibile l’ambiente stesso, ad esempio in cucina quando si va a collocare un pensile a muro bisognerà tener conto dell’altezza media della famiglia che ne usufruirà, oppure in salotto bisognerà calcolare bene a che distanza installare la TV dal divano per non incorrere in problemi di vista.

Tanti sono gli aspetti da tenere conto quando si arreda una nuova casa, non basta avere buon gusto nello scegliere il colore o lo stile giusto, ma ci vogliono anche conoscenze tecniche ed empatia con i bisogni dei fruitori! Per questo arrediAmo. 🙂

Home Staging e riprogettazione degli spazi

Office Staging

Riprogettazione degli spazi

Lampadario fai da te

Il salotto tropicale

Una mensola su misura

Progetto per un'abitazione a Gragnano: Esempio di riciclo creativo

La cameretta

Riorganizzazione degli spazi