Il cielo in una stanza: consigli utili su come arredare gli spazi esterni

“Questa stanza non ha più pareti ma alberi, alberi infiniti…”

Ricordate questa canzone?

E a chi non piacerebbe avere il cielo in una stanza…

Beh in realtà se hai la fortuna di avere un giardino o una terrazza, con qualche piccola accortezza potrai provare la stessa sensazione che descriveva Gino Paoli 😛 perché il giardino e la terrazza in estate diventano una stanza in più!
Oggi vi daremo qualche consiglio utile per arredare alla perfezione gli spazi esterni.

Per arredare un ambiente esterno basta poco, infatti, una volta scelto lo stile, occorre acquistare gli elementi di arredo indispensabili ad ospitare amici e parenti in un ambiente accogliente ed al tempo stesso funzionale.

Come arredare il giardino/terrazza?

1. Tavolo e sedie: preferibilmente in materiali resistenti alle intemperie (come il rattan sintetico) così da poter lasciare l’arredo all’aperto anche in inverno, mentre per chi ha voglia di sbizzarrirsi col fai da te consigliamo di provare a costruire un tavolo con materiali di recupero, in questo modo avrete un oggetto unico ed originale.

2. E’ importante avere una buona copertura (vela, gazebo, ombrellone, etc) per le ore serali (per proteggersi dall’umidità) e durante le ore di sole (per avere una zona ombreggiata). Il nostro consiglio è quello di scegliere versioni richiudibili, così da gestire al meglio gli spazi.

3. Utile un buon sistema di illuminazione (che permette di avere luce soft, per le serate romantiche, e luce viva per le serate a festa!)

4. Arredare un giardino non significa acquistare un tavolo con 4 sedie ed un ombrellone, ma bisogna predisporre anche una zona confortevole magari inserendo cuscini, teli o una bella amaca, in questo modo sia voi che gli ospiti non sarete costretti a stare per forza su una sedia attorno al tavolo, ed è proprio questo potere di scelta che renderà il vostro spazio accogliente.

5. In un giardino che si rispetti, non può mancare il barbecue, il protagonista indiscusso dei party all’aperto. E per chi non ha problemi di spazio un’ottima idea sarebbe anche la realizzazione di una cucina esterna.

6. Infine, ma non per ultima, la musica: il nostro consiglio? Niente tv! L’unica cosa di cui avete bisogno è di una piccola cassa bluetooth da collegare al vostro smartphone e la musica farà da colonna sonora alla vostra serata. In alternativa se avete più spazio potreste pensare di acquistare una torre multimediale, si trova facilmente in tutte le grandi catene di elettronica e su amazon a prezzi totalmente accessibili e con una potenza maggiore, perfetta per party e serate in compagnia.

Pronti anche voi ad avere il cielo in una stanza? 🙂

“L’importanza dell’ergonomia nell’arredamento d’interni”

Una delle cose che mi accomuna a Micol è sicuramente la curiosità e quindi la voglia di imparare sempre di più.
Verso maggio sentivamo il bisogno di dare una svolta a questa primavera che si faceva attendere così ci siamo dette: perché non facciamo un corso di aggiornamento?
Dopo un bel po’ di ricerca Micol
ha trovato dei webinar da guardare comodamente in studio o a casa ed abbiamo cominciato.
In questo momento siamo alla quinta lezione: “L’importanza dell’Ergonomia nell’arredamento d’interni”, che è anche quella che più ha colto il mio interesse, un po’ perché mi ha ricordato gli anni di università, un po’ perché ho sempre amato progettare con il buon senso (un oggetto non deve essere solo bello, ma deve avere anche la massima usabilità da parte dell’utente).

Ma cominciamo dalle basi, cosa significa “ergonomia”?
In senso letterale l’ergonomia è la disciplina che studia la migliore integrazione tra lavoro umano, macchina e ambiente di lavoro.
In particolar modo, all’interno dell’ambiente casa, l’ergonomia è lo studio e la progettazione delle attrezzature e delle postazioni di lavoro finalizzata a migliorare la postura e alleviare i carichi sul corpo.
L’applicazione dell’ergonomia nella progettazione di prodotti d’arredo è un fattore importante che si ripercuote sulla salute complessiva, la sicurezza e il benessere degli individui.

La progettazione ergonomica dei mobili deve tener conto dei seguenti fattori:
• dimensioni dei mobili adatte alle dimensioni della popolazione di utilizzatori previsti;
• benessere, sicurezza e comfort degli utilizzatori;
• mobili che soddisfano le necessità del compito / lavoro che gli utenti devono svolgere;
• garantire la libera interazione tra l’utente e l’apparecchiatura (compresi i mobili);
• il tempo trascorso sul luogo di lavoro (per esempio il tempo trascorso seduti o in piedi);
• sicurezza dell’arredamento che non dev’essere fonte di rischio di lesioni durante l’uso previsto;
• prevedibile uso improprio dei mobili e sue conseguenze;
• garantire mobili in grado di ospitare dispositivi IT (schermi, CPU, bracci per il monitor) in modo sicuro;
• capacità degli utenti di muoversi liberamente sul loro posto di lavoro e capacità di adottare una serie di posture comode e dinamiche senza essere limitati dall’arredamento;

Ma passiamo ad un esempio pratico:
Ricordate la sedia basculante, senza schienale e con il poggia ginocchia? Ecco quella è un chiaro esempio di seduta ergonomica.
È la sedia svedese! Ed è in grado di supportare il corpo in tutte quelle situazioni in cui devi stare seduto e mantenere una buona posizione mentre lavori. Facendoti allineare la schiena, il collo e le spalle in una posizione completamente naturale, la sedia svedese permette di stare in una corretta posizione.

Questi principi di ergonomia possono essere applicati anche per la disposizione stessa degli oggetti all’interno di un ambiente in modo da rendere più fruibile l’ambiente stesso, ad esempio in cucina quando si va a collocare un pensile a muro bisognerà tener conto dell’altezza media della famiglia che ne usufruirà, oppure in salotto bisognerà calcolare bene a che distanza installare la TV dal divano per non incorrere in problemi di vista.

Tanti sono gli aspetti da tenere conto quando si arreda una nuova casa, non basta avere buon gusto nello scegliere il colore o lo stile giusto, ma ci vogliono anche conoscenze tecniche ed empatia con i bisogni dei fruitori! Per questo arrediAmo. 🙂